Il CeAS festeggia 30 anni di solidarietà!

Pubblicato: 20 settembre 2016

In 30 anni, grazie al lavoro di educatori professionali, medici, psichiatri e psicologi, infermieri e avvocati, il CeAS Centro Ambrosiano di Solidarietà ha aiutato migliaia di persone a ritrovare benessere e autonomia.

Domenica 16 ottobre alle 17, presso l’auditorium “Stefano Cerri” della Biblioteca comunale di via Valvassori Peroni (MM2 Lambrate) festeggeremo questo importante anniversario, con un concerto del Rhapsódja Trio.

Ti aspettiamo!

Milano No Slot Ascolta: prosegue l’impegno del CeAS

Pubblicato: 23 settembre 2016
Nonostante la sperimentazione si sia chiusa ufficialmente il 19 agosto e al momento non abbia più finanziamenti, il Centro Ambrosiano di Solidarietà continua a portare avanti il progetto con propri fondi
 
 
 
 
 
Sono più di 850 i contatti agganciati dalla help line telefonica (che risponde al numero 335.1251774) gestita dagli operatori del CeAS Centro Ambrosiano di Solidarietà, nell’ambito di “Milano-No Slot Ascolta”, uno dei cinque progetti della campagna “Milano No Slot“, i cui risultati sono stati presentati questa mattina nel corso di un convegno. Un progetto che il CeAS sta continuando a portare avanti con i propri fondi, nonostante la sperimentazione si sia chiusa ufficialmente il 19 agosto e al momento non abbia più finanziamenti.

“Il servizio, riservato e totalmente anonimo, voleva rivolgersi a quelle persone, non necessariamente dei giocatori, che cercavano informazioni sul gioco d’azzardo. La maggior parte delle telefonate è però arrivata dai diretti interessati (69%), cioè persone che iniziano ad avere un’idea del problema”, spiega Claudia Polli, responsabile dell’Area Dipendenze del CeAS e referente del progetto. 

Il numero di cellulare si è dimostrato uno strumento importante, perché oltre alle telefonate le persone hanno potuto contattarci anche tramite sms, whatsapp, email o chat, dando una certa continuità al contatto. L’help line, nonostante sia partita da zero, è diventata un punto di riferimento e per questo abbiamo scelto di continuare nonostante la fine ufficiale del progetto”, aggiunge.

Oltre ai giocatori, per il 72% maschi, ad avere chiamato sono stati i loro familiari (18,03%) o quei cittadini (10,02%) che volevano fare segnalazioni in merito al non rispetto delle ordinanze comunali e regionali, come gli orari di chiusura o la distanza dai luoghi sensibili delle sale slot. La maggior parte delle persone che hanno chiamato (44,87%) ha chiesto una consulenza sul proprio caso o su quello di un parente. Molti anche quelli che cercavano un sostegno psico-educativo.

“In questi mesi abbiamo osservato che le persone faticano a rivolgersi in autonomia ai servizi territoriali di riferimento, per vergogna o perché la motivazione è debole. Una prospettiva di sviluppo del servizio, che è stata sperimentata in questi mesi, potrebbe quindi essere quella di creare un aggancio intermedio di accompagnamento ai servizi. Un momento che sia meno formale e quindi consenta alle persone di sentirsi più sicure nell’affrontare il percorso di cura”, conclude Claudia Polli.

Molino San Gregorio presenta alla città il suo manifesto

Pubblicato: 14 settembre 2016

Anche il CeAS fa parte del Consorzio che si sta occupando della riqualificazione dell’antica Cascina Molino San Gregorio. Mercoledì 19 ottobre, sarà presentato il documento “Una nuova idea di benessere sociale. Per Milano, insieme”

 

MSG_Save the Date

 

Uno spazio di incontro, relazione, accoglienza e partecipazione, dove saranno ospitate attività di carattere sociale, iniziative culturali, artistiche, didattico-formative e per il tempo libero. Questo diventerà Molino San Gregorio.

Tra i promotori del Consorzio che si sta occupando della riqualificazione di questa antica cascina, nel cuore del Parco Lambro, ci siamo anche noi di CeAS – Centro Ambrosiano di Solidarietà, insieme a Cascina Biblioteca, Consorzio Sir, Consorzio CS&L e Omnicoop Società Cooperativa Sociale di Solidarietà.

Il 19 ottobre alla Triennale di Milano, Consorzio Cascina Molino San Gregorio presenterà il suo manifesto: “Una nuova idea di benessere sociale. Per Milano, insieme“. L’incontro sarà inoltre l’occasione per riflettere, insieme ai cittadini e a personalità del mondo delle istituzioni, della cultura e dell’economia, sul tema del recupero dei beni pubblici in stato di abbandono, che possono essere restituiti alla collettività.

Il 17 e 18 settembre torna Cascine Aperte

Pubblicato: 12 settembre 2016

Anche il CeAS aderisce all’iniziativa. Ti aspettiamo sabato pomeriggio, dalle 14 alle 18, nella nostra sede di viale Marotta 8.

 

CA16_locandina_WEB

 

Luoghi di storia, spesso sconosciuti, a due passi da casa. Spazi polifunzionali, che al loro interno riescono a racchiudere molte anime diverse: agricola, sociale, culturale e ricreativa. Sono le cascine inserite nel tessuto urbano di Milano, che il 17 e 18 settembre saranno protagoniste della nona edizione di Cascine Aperte.

In tutta la città, saranno oltre 30 i luoghi che parteciperanno all’iniziativa, promossa dall’Associazione Cascine Milano. Tra queste, anche il CeAS – Centro Ambrosiano di Solidarietà ha scelto di aderire alla manifestazione, aprendo le sue porte nel pomeriggio di sabato 17, dalle 14 alle 18.

Ti aspettiamo in viale Marotta 8, all’interno del Parco Lambro, per scoprire un angolo speciale del nostro cortile. 

Vai all’evento Facebook.

I profughi accolti da CeAS e Casa della carità si raccontano

Pubblicato: 19 luglio 2016

Al Parco Lambro, il Centro Ambrosiano di Solidarietà ospita alcune famiglie provenienti da Eritrea, Etiopia e Somalia, in completa gratuità

 

“È stato un viaggio difficilissimo. Avevo paura, ma ho pregato tanto. Ho pianto e ho pregato, e grazie a Dio ora siamo in un posto sicuro”. A raccontarlo è Nafisa, 40 anni, una delle mamme che, con i suoi due figli, da alcuni giorni è ospite del CeAS, nell’ambito del progetto di accoglienza realizzato in collaborazione con la Casa della carità.

Nafisa, dopo la fatica dei primi giorni, ora appare tranquilla. Arriva dall’Etiopia. Il marito, oppositore politico, è stato ucciso, così come, forse, suo figlio più grande, del quale non ha più notizie. Allora Nafisa ha deciso di lasciare il suo Paese e venire in Europa, in cerca di un luogo dove vivere serenamente insieme agli altri suoi due figli: una ragazza di 14 anni e un bambino di 11. Nella stessa casetta di Nafisa alloggia anche Nuss, 26 anni, che proviene dall’Eritrea. Anche lei ha lasciato il suo Paese, e vorrebbe raggiungere il marito in Svezia con il suo bimbo di 5 anni. “È vivacissimo”, dicono di lui gli educatori del Centro Ambrosiano di Solidarietà, che seguono costantemente i profughi.   Leggi il seguito della notizia »

CeAS e Casa della carità insieme per l’accoglienza dei profughi

Pubblicato: 11 luglio 2016

Foto: Marco Garofalo / 2015

Foto: Marco Garofalo / 2015

Il Centro Ambrosiano di Solidarietà ospita alcune famiglie provenienti da Eritrea, Etiopia e Somalia, in completa gratuità

La prima ad essere accolta è stata Deborah, una neonata di pochi giorni insieme alla sua mamma diciottenne. Poi sono arrivate altre cinque giovani coppie senza figli, per un totale di 12 profughi, provenienti dall’Eritrea, dall’Etiopia e dalla Somalia. Da venerdì 8 luglio sono ospitati nella sede del CeAS – Centro Ambrosiano di Solidarietà, al parco Lambro, in collaborazione con la Casa della carità e sono seguiti da operatori sociali, mediatori, medici e avvocati coordinati da Donatella De Vito, responsabile del progetto di accoglienza: “Sono arrivati tutti molto stanchi e provati dal viaggio, con i corpi ancora segnati dalla dura traversata nel Mediterraneo. All’inizio non hanno fatto che dormire – racconta – Poi hanno iniziato a raccontarsi, instaurando un buon rapporto con il luogo e le persone che li hanno accolti”.
Leggi il seguito della notizia »

Ciao Valeria…

Pubblicato: 1 luglio 2016

A3

L’impegno del CeAS nella lotta alla droga

Pubblicato: 13 giugno 2016

Il 26 giugno si celebra la Giornata internazionale contro il consumo e il traffico illecito di droga, un momento molto significativo per il Centro Ambrosiano di Solidarietà e in particolare per gli ospiti della Comunità Alisei, dove vengono accolte persone con problemi di tossicodipendenza. 

 

 

Il CeAS propone, come da tradizione, una giornata di festa e aggregazione all’insegna dello sport, importante strumento di prevenzione, integrazione e benessere. Protagonisti della festa, che si svolgerà sabato 25 giugno dalle 15, saranno gli ospiti di Alisei insieme alle loro famiglie, con gli operatori, i volontari e tutti gli altri ospiti del CeAS. Come consuetudine sono invitate inoltre le altre comunità terapeutiche della città e gli agenti della Narcotici della Questura di Milano. Interverranno don Virginio Colmegna, un rappresentate della Polizia di Stato – Squadra Narcotici e il presidente del Centro Ambrosiano di Solidarietà Giovanni Cavedon.

Vai all’evento Facebook. 

Per il Centro Ambrosiano di Solidarietà, quest’anno, la giornata assume ancora maggior rilevanza, dal momento che il centro compie 30 anni. A volerlo, nel 1986, era stato l’allora arcivescovo di Milano, il cardinale Carlo Maria Martini, proprio per rispondere a una grave emergenza di quegli anni: il massiccio consumo di eroina, con il suo strascico di morte e sofferenza. La cura della tossicodipendenza, quindi, è stata la prima area di sviluppo del CeAS.

In occasione della Giornata Mondiale di Lotta alla Droga, ne abbiamo parlato con Claudia Polli, responsabile dell’Area Dipendenze: “Il nostro è un lavoro lungo e complesso, ma indispensabile ancora oggi. Il consumo di droghe, vecchie e nuove, non diminuisce, ma si modificano gli stili di consumo e la percezione dell’opinione pubblica”. Leggi il seguito della notizia »

Lo Sport torna in Piazza e tu non puoi mancare!

Pubblicato: 1 giugno 2016

images

Mercoledì 15 Giugno a partire dalle 16:00 vi aspettiamo per Lo Sport in torna in Piazza, un’iniziativa di integrazione sociale organizzata dal Comune di Milano – Progetto Adolescenti Sicuri Quartiere Mazzini Corvetto, Ce.A.S., La Strada, Progetto A.

Scarica la locandina dell’iniziativa

Leggi il seguito della notizia »

Com’è Grande il Mio Giardino – Domenica 15 Maggio

Pubblicato: 9 maggio 2016

LambroSocialPark-logo

Domenica 15 Maggio in Cascina Biblioteca si terrà l’evento conclusivo del Progetto “Com’è grande il mio giardino“.

Si è trattato di una esperienza di condivisione importante per un luogo fondamentale per la città come il Parco Lambro. L’evento è organizzato da Ce.A.S.,Cascina Biblioteca,Exodus,Consorzio SIR con il contributo di Fondazione Cariplo.

Il programma prevede dalle 10:00 la biciclettata intorno al Lambro, subito dopo il Mercato Agricolo,l’Asta delle biciclette e per concludere alle 18:00 la Festa di Assegnazione dei nuovi ortisti.

L’appuntamento è per Domenica 15 Maggio dalle 10:00 in Cascina Biblioteca (Via Casoria – Parco Lambro,Milano). Vi aspettiamo Numerosi!

Scarica il programma completo