CeAS e Casa della carità insieme per l’accoglienza dei profughi

Pubblicato: 11 luglio 2016

Foto: Marco Garofalo / 2015

Foto: Marco Garofalo / 2015

Il Centro Ambrosiano di Solidarietà ospita alcune famiglie provenienti da Eritrea, Etiopia e Somalia, in completa gratuità

La prima ad essere accolta è stata Deborah, una neonata di pochi giorni insieme alla sua mamma diciottenne. Poi sono arrivate altre cinque giovani coppie senza figli, per un totale di 12 profughi, provenienti dall’Eritrea, dall’Etiopia e dalla Somalia. Da venerdì 8 luglio sono ospitati nella sede del CeAS – Centro Ambrosiano di Solidarietà, al parco Lambro, in collaborazione con la Casa della carità e sono seguiti da operatori sociali, mediatori, medici e avvocati coordinati da Donatella De Vito, responsabile del progetto di accoglienza: “Sono arrivati tutti molto stanchi e provati dal viaggio, con i corpi ancora segnati dalla dura traversata nel Mediterraneo. All’inizio non hanno fatto che dormire – racconta – Poi hanno iniziato a raccontarsi, instaurando un buon rapporto con il luogo e le persone che li hanno accolti”.
Leggi il seguito della notizia »

I profughi accolti da CeAS e Casa della carità si raccontano

Pubblicato: 19 luglio 2016

Al Parco Lambro, il Centro Ambrosiano di Solidarietà ospita alcune famiglie provenienti da Eritrea, Etiopia e Somalia, in completa gratuità

 

“È stato un viaggio difficilissimo. Avevo paura, ma ho pregato tanto. Ho pianto e ho pregato, e grazie a Dio ora siamo in un posto sicuro”. A raccontarlo è Nafisa, 40 anni, una delle mamme che, con i suoi due figli, da alcuni giorni è ospite del CeAS, nell’ambito del progetto di accoglienza realizzato in collaborazione con la Casa della carità.

Nafisa, dopo la fatica dei primi giorni, ora appare tranquilla. Arriva dall’Etiopia. Il marito, oppositore politico, è stato ucciso, così come, forse, suo figlio più grande, del quale non ha più notizie. Allora Nafisa ha deciso di lasciare il suo Paese e venire in Europa, in cerca di un luogo dove vivere serenamente insieme agli altri suoi due figli: una ragazza di 14 anni e un bambino di 11. Nella stessa casetta di Nafisa alloggia anche Nuss, 26 anni, che proviene dall’Eritrea. Anche lei ha lasciato il suo Paese, e vorrebbe raggiungere il marito in Svezia con il suo bimbo di 5 anni. “È vivacissimo”, dicono di lui gli educatori del Centro Ambrosiano di Solidarietà, che seguono costantemente i profughi.   Leggi il seguito della notizia »

Ciao Valeria…

Pubblicato: 1 luglio 2016

A3

L’impegno del CeAS nella lotta alla droga

Pubblicato: 13 giugno 2016

Il 26 giugno si celebra la Giornata internazionale contro il consumo e il traffico illecito di droga, un momento molto significativo per il Centro Ambrosiano di Solidarietà e in particolare per gli ospiti della Comunità Alisei, dove vengono accolte persone con problemi di tossicodipendenza. 

 

 

Il CeAS propone, come da tradizione, una giornata di festa e aggregazione all’insegna dello sport, importante strumento di prevenzione, integrazione e benessere. Protagonisti della festa, che si svolgerà sabato 25 giugno dalle 15, saranno gli ospiti di Alisei insieme alle loro famiglie, con gli operatori, i volontari e tutti gli altri ospiti del CeAS. Come consuetudine sono invitate inoltre le altre comunità terapeutiche della città e gli agenti della Narcotici della Questura di Milano. Interverranno don Virginio Colmegna, un rappresentate della Polizia di Stato – Squadra Narcotici e il presidente del Centro Ambrosiano di Solidarietà Giovanni Cavedon.

Vai all’evento Facebook. 

Per il Centro Ambrosiano di Solidarietà, quest’anno, la giornata assume ancora maggior rilevanza, dal momento che il centro compie 30 anni. A volerlo, nel 1986, era stato l’allora arcivescovo di Milano, il cardinale Carlo Maria Martini, proprio per rispondere a una grave emergenza di quegli anni: il massiccio consumo di eroina, con il suo strascico di morte e sofferenza. La cura della tossicodipendenza, quindi, è stata la prima area di sviluppo del CeAS.

In occasione della Giornata Mondiale di Lotta alla Droga, ne abbiamo parlato con Claudia Polli, responsabile dell’Area Dipendenze: “Il nostro è un lavoro lungo e complesso, ma indispensabile ancora oggi. Il consumo di droghe, vecchie e nuove, non diminuisce, ma si modificano gli stili di consumo e la percezione dell’opinione pubblica”. Leggi il seguito della notizia »

Lo Sport torna in Piazza e tu non puoi mancare!

Pubblicato: 1 giugno 2016

images

Mercoledì 15 Giugno a partire dalle 16:00 vi aspettiamo per Lo Sport in torna in Piazza, un’iniziativa di integrazione sociale organizzata dal Comune di Milano – Progetto Adolescenti Sicuri Quartiere Mazzini Corvetto, Ce.A.S., La Strada, Progetto A.

Scarica la locandina dell’iniziativa

Leggi il seguito della notizia »

Com’è Grande il Mio Giardino – Domenica 15 Maggio

Pubblicato: 9 maggio 2016

LambroSocialPark-logo

Domenica 15 Maggio in Cascina Biblioteca si terrà l’evento conclusivo del Progetto “Com’è grande il mio giardino“.

Si è trattato di una esperienza di condivisione importante per un luogo fondamentale per la città come il Parco Lambro. L’evento è organizzato da Ce.A.S.,Cascina Biblioteca,Exodus,Consorzio SIR con il contributo di Fondazione Cariplo.

Il programma prevede dalle 10:00 la biciclettata intorno al Lambro, subito dopo il Mercato Agricolo,l’Asta delle biciclette e per concludere alle 18:00 la Festa di Assegnazione dei nuovi ortisti.

L’appuntamento è per Domenica 15 Maggio dalle 10:00 in Cascina Biblioteca (Via Casoria – Parco Lambro,Milano). Vi aspettiamo Numerosi!

Scarica il programma completo

SlotMob – Un bar senza slot ha più spazio per le persone

Pubblicato: 6 maggio 2016

Volantino A5 partea

Sabato 7 Maggio a Milano e in altre 40 città d’Italia il movimento SlotMob lancia una giornata di mobilitazione nazionale. Gli eventi in programma sono organizzati nei numerosi bar privi di giochi d’azzardo.

Chiediamo ai cittadini e alle reti territoriali di partecipare numerosi anche per dare un segnale sul grave problema del gioco d’azzardo, che coinvolge tutti come vera piaga sociale.

L’iniziativa servirà anche a premiare i locali che hanno deciso di fare questa importante scelta etica.

A Milano, l’appuntamento è per Sabato 7 Maggio dalle 10:00 alle 13:00 al FLOR ART CAFE’ in Piazza Frattini 4 a Milano

Scarica il volantino dell’iniziativa

In ricordo di Pietro Dagnino

Pubblicato: 28 aprile 2016

 

378881_104712126312362_1565232538_n

 

Il 2 maggio dello scorso anno, dopo una lunga malattia, ci lasciava prematuramente Pietro Dagnino, che dal 2011 e fino a pochi giorni prima della sua scomparsa aveva ricoperto il ruolo di presidente del Centro Ambrosiano di Solidarietà.

Al CeAS Pietro ha dato tanto. Ha lavorato insieme a operatori e volontari per dare ai nostri ospiti un futuro migliore. La sua dedizione ci ha dato forza anche nei momenti di difficoltà e il suo ricordo ci accompagna ogni giorno.

Raccogliendo l’invito della sua famiglia, saremo presenti alla Messa di suffragio che sarà celebrata lunedì 2 maggio alle 19, presso la chiesa di San Pietro in Sala (piazza Wagner, 2).

Leggi il ricordo dello staff di CeAS.

#PiùFortidellAcqua grazie al sostegno di Fondazione Cariplo

Pubblicato: 28 aprile 2016

 

targa cariplo

 

Muri crollati, impianto elettrico danneggiato, ascensore fuori uso, arredi ed elettrodomestici resi inutilizzabili. È il triste elenco dei danni che la Villetta San Gregorio aveva subito nel novembre 2014, a causa dell’esondazione del Fiume Lambro che aveva colpito tutte le strutture del CeAS.

In pochi mesi, con l’aiuto di tanti, il Centro Ambrosiano di Solidarietà è riuscito a risollevarsi. Un contributo fondamentale per far ripartire le attività della Villetta San Gregorio, la comunità che al CeAS accoglie persone con problemi di salute mentale, è arrivato da Fondazione Cariplo

Grazie al sostegno di Fondazione Cariplo abbiamo potuto ricostruire e ritinteggiare i muri crollati, rifare l’impianto elettrico e quello di riscaldamento, riparare l’ascensore, sostituire arredi ed elettrodomestici.
 
A Fondazione Cariplo il sentito ringraziamento di operatori, ospiti e volontari del CeAS. 

Oltre l’emergenza: una rete per i minori stranieri non accompagnati

Pubblicato: 26 aprile 2016

Venerdì 29 aprile, a Palazzo Marino, un incontro per gli operatori del settore promosso dal progetto Emergenze Sostenibili di cui CeAS fa parte.

SaveTheDate_29_aprile-1

Vai all’evento Facebook

Leggi il programma completo del convegno

Un seminario ad ingresso libero, aperto a tutti e dedicato agli operatori pubblici e del privato sociale interessati al tema dei minori stranieri non accompagnati. Venerdì 29 aprile, dalle 9 alle 13, presso la Sala Alessi di Palazzo Marino (piazza della Scala 2, Milano), parleremo di come favorire una reale integrazione sociale e culturale dei minori stranieri che approdano da soli in Italia, dei problemi incontrati e delle opportunità create.

La riflessione è frutto dell’esperienza del progetto Emergenze Sostenibili, progetto finalizzato all’accoglienza dei minori stranieri non accompagnati che, dal 2013, ha visto lavorare insieme il Comune di Milano e 12 organizzazioni del privato sociale milanese, tra cui il Centro Ambrosiano di Solidarietà. 

Obiettivo dell’appuntamento è il superamento dell’idea di emergenza: l’arrivo di questi ragazzi sul nostro territorio non è più un fatto imprevedibile ed è quindi necessario lavorare alla pianificazione, progettazione e implementazione di un modello non solo di accoglienza ma di vera e propria integrazione sociale e culturale sostenibile.

Cosa favorisce l’integrazione dei giovani stranieri che approdano soli sul nostro territorio con tutte le fragilità della loro età? Come possiamo aiutarli a crescere in una effettiva società multiculturale? Quali sono le pratiche che funzionano e gli errori da evitare? È possibile passare dal sistema a rete locale a un sistema a rete nazionale contemplando azioni e percorsi di accoglienza sud-nord, raccordo tra le istituzioni e i sistemi attivi nei territori, condivisione di modelli di intervento, sperimentazione di azioni congiunte? E, soprattutto, possiamo uscire dalla logica emergenziale e mettere a sistema le buone pratiche per costruire una reale città multiculturale nei nostri territori?

Il 6 Aprile scorso, durante l’evento #dialogaMI, abbiamo ascoltato la voce di alcuni di questi ragazzi. Il 29 aprile, in sala Alessi, ne parleremo con professionisti del sociale, referenti del pubblico e del privato sociale, ricercatori ed esperti in tema di accoglienza di minori stranieri non accompagnati in Italia e in Europa.

Nel corso della mattinata, inoltre, verrà presentato inoltre il libro “Un’emergenza sostenibile: accoglienza e integrazione degli adolescenti migranti a Milano”, a cura di Alex Foti, Mimesis, aprile 2016. 

Leggi il seguito della notizia »